Carrello 0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Negozio

Alumina 77

Alumina 77

€ 16,00

  In questo numero di ALUMINA: COME EDUCARE UN PRINCIPE  Valeria Nicolis Per esortare il figlio Antonio a una retta condotta morale, la vedova del duca di Lorena, donna di elevati sentimenti e raffinata cultura artistica, commissionò ai primi del Cinquecento uno splendido manoscritto in cui le figure di Romolo e Catone Uticense, dipinte entro estrosi contesti architettonici, danno vita a esempi edificanti e a sorprendenti effetti scenografici. ALLORI E PERGAMENE Ekaterina Zolotova Il grande giorno è arrivato. Dopo un lungo corso di studi, è il momento della sospirata laurea. Una giornata di giubilo in cui il neodottore dell’Università di Padova, dopo la cerimonia di rito, poteva ricevere nel Seicento un diploma che era anche un’opera d’arte: una pergamena decorata da un maestro della miniatura come Giovanni Alvise Foppa di Rota. IL GIARDINO DELLE MINIATURE Daniele Guernelli Risorta dopo le devastazioni dell’ultima guerra, Stoccarda, capitale del Land Baden-Württemberg, ha saputo ricostruire anche l’imponente patrimonio librario accumulato nei secoli dai Signori locali, affiancando milioni di volumi al prestigioso bouquet di codici miniati che sono il fiore all’occhiello della storica biblioteca cittadina. LA BIBBIA SCOMPARSA Annalisa Bellerio Una quattrocentesca Bibbia ebraica splendidamente miniata, unica nel suo genere per concezione e ricchezza decorativa, fu portata dal suo proprietario in esilio fuori dal regno di Spagna, e con lui scomparve. Riapparsa tre secoli dopo, nel Settecento approdò in Inghilterra, dove è tuttora conservata alla Bodleian Library di Oxford. GENTE DI PRIM’ORDINE Eberhard König La società perfetta, diceva Proudhon, nasce dall’unione di ordine e anarchia. Forse è per questo che nell’Ancien Régime i detentori del potere assoluto, per legittimare la loro supremazia sui ceti subalterni, si fregiavano di onorificenze come il Toson d’Oro, antico ordine cavalleresco celebrato da uno splendido armoriale oggi nella raccolta di Heribert Tenschert. UN LIBRO, CINQUE TESORI Daniela Meneghini e Alessandro Martoni Il recente restauro della Pentalogia di Nezami Ganjavi (nota come Panj Ganj) è stato l’occasione per riscoprire, ammirare, studiare a fondo un capolavoro della miniatura persiana del XVII secolo. Un’opera poetica di straordinario interesse e il suo magnifico apparato decorativo sono stati così restituiti a nuova vita nel segno di un ideale gemellaggio culturale tra Oriente e Occidente. UN NUOVO INIZIO Gianfranco Malafarina Una grande mostra alla Bibliothèque nationale de France celebra uno dei momenti fondativi dell’identità europea – il Rinascimento – visto attraverso i cimeli librari che ne hanno decretato il mito e la fortuna. Uomini, opere, scritti e immagini che ancora oggi parlano della capacità dello spirito umano di risorgere a nuova vita grazie al potere rigenerante della cultura

Dettagli Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
LIBRO DE COSINA: cofanetto con edizione facsimilare e commentario

LIBRO DE COSINA: cofanetto con edizione facsimilare e commentario

€ 0,00

[Prezzo su richiesta] Databile tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento e ritenuto un caposaldo della letteratura gastronomica italiana e internazionale, il Libro de cosina è un manoscritto con 287 ricette attribuite a Maestro Martino, il cuoco considerato l’artefice di una rivoluzione culturale nell’arte della gastronomia. Quest’opera è considerata lo spartiacque che segna il passaggio dalla cucina medievale a quella moderna sperimentando nuove commistioni di gusto, un corretto uso delle spezie e l’utilizzo di nuovi sistemi di cottura rispetto ai precedenti. Martino inoltre fu il primo cuoco a considerare i colori primari degli ingredienti come parte integrante della preparazione anticipando di secoli l’attenzione odierna verso l’aspetto estetico. Il prezioso manoscritto, uno dei soli cinque esemplari esistenti al mondo, pare sia il più completo ed è custodito presso la Biblioteca civica di Riva del Garda. Non si hanno notizie di come sia giunto, ma sappiamo che nel 1936 si trovava tra i documenti dell’Archivio storico comunale e la sua scoperta, ad opera del professor Gianbattista Festari di Pavia, fu annunciata il 26 maggio 1937 sul quotidiano La Stampa Sera di Torino con un articolo dall’esplicito titolo Le ricette culinarie di Martino De’ Rossi “magisto del ‘400”. Libro de cosina: dettagli tecnici Il manoscritto è cartaceo, di formato in-quarto, di dimensioni 153 x 206 mm. Lo introducono 6 carte non numerate contenenti le 321 voci della Rubrica, corredate dell'indicazione della carta, da 1 a 65, in cui si trova la ricetta corrispondente. Seguono quindi 56 carte, numerate dallo stesso copista, contenenti le ricette. Per informazioni: diffusione@novacharta.it

Dettagli Aggiungi al carrello

0,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
CHARTA 185

CHARTA 185

€ 14,00

Il dibattito sull'intelligenza artificiale ci mette di fronte ancora una volta a una scelta: continuare a scrivere e a leggere secondo quella tradizione che comunque, anche in ambiente digitale, ci rende responsabili delle nostre parole e dei nostri pensieri; oppure abbandonarci a funzioni automatiche che valgono quanto costano, cioè poco o quasi zero. Anche per l'IA occorre venire a compromesso: prendere il meglio, scartare i rifiuti. Difficilmente però sarà possibile usare l'intelligenza artificiale e non farsi usare da essa senza la personalità che si forma a contatto con l'esperienza diretta e materiale del libro e della lettura. Senza conoscenza non c'è vera cultura. Per cui Charta continua con elasticità la sua missione doverosa. Avrei voluto discuterne con Umberto Eco, con il quale mi legava una conoscenza personale ma lascio alle sue confessioni postmoderne di cui scrive il nostro direttore responsabile Carlo Bordoni. A proposito di direttore, Alessandro Scarsella - che è quello scientifico - ci accompagna alla scoperta delle maschere della storia. Libri per chi non sa ancora leggere, detti comunemente "di pezza", a firma di Daniela Psqualini. Libera racconta per la penna di Francesco Rapazzini, la vita straordinaria di Irène Lagut. Quest'anno ricorre il centenario di Giacomo Puccini, copertina e un articolo in ogni fascicolo ne celebrano l'evento; nel 185: la copertina di Dario Cestaro e l'articolo di Francesco Vazzoler. Evidentemente c'è ben altro, ma lo lascio alla curiosità dei nostri affezionati lettori.

Dettagli Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Charta 184

Charta 184

€ 14,00

Si conclude con questo numero, l’ultimo del 2023, la serie di copertine di Charta dedicate a Italo Calvino. A differenza delle altre, curate da Dario Cestaro con la tecnica del “paper cutting digitale”, questa è opera di una giovane artista diplomata all’Accademia di Belle Arti di Venezia, Greta Destro, che ha interpretato Il Castello dei Destini Incrociati, raccolta di storie fantastiche in cui Calvino si è ispirato ai Tarocchi. Qui l’artista mette in evidenza gli Arcani Maggiori (la Luna, l’Impiccato e la Morte), ma non si può fare a meno di collegare l’immagine dell’Autore, seduto in bilico sul satellite, alla figura di Marcovaldo, il tragicomico protagonista di Luna e Gnac (1956), uno dei racconti più noti degli “Idilli difficili”: “La luna nuova anziché ostentare l’astratta apparenza di mezzaluna rivelava la sua natura di sfera opaca illuminata intorno dagli sbiechi raggi d’un sole perduto dalla terra”. Le altre prove più riuscite del concorso indetto da Charta, a cui hanno partecipato i giovani artisti dell’Accademia di Venezia, si possono trovare all’interno di questo nu- mero, sotto il titolo “Calvinando”. L’anno calviniano è stato intenso di rievocazioni, riletture critiche, discussioni e convegni, il più recente dei quali, patrocinato da Charta, si terrà a fine novembre presso l’Università Ca’ Foscari, a cura del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati, assieme alla Società Italiana di Comparatistica (SICL). Se per Calvino si celebra un secolo dalla nascita, di un altro grande scrittore, Alessandro Manzoni – forse il più significativo per la storia della letteratura italiana moderna – ricorre quest’anno il centocinquantesimo dalla sua scomparsa. Per l’occasione NovaCharta ha pubblicato un’edizione critica del volume Manzoni (Pisa, 1996) di Pier Carlo Masini, a cura di Andrea Tomasetig, con una prefazione di Vittoria de Buzzaccarini. Libro godibilissimo, che si avventura nelle questioni biografiche più “segrete” dell’Autore dei Promessi Sposi, documentando parentele e amicizie, corredato di numerose illustrazioni. Il numero 184 di Charta completa le celebrazioni con una nota sugli autografi manzoniani, all’interno di un sommario denso di contributi che vanno dalla Mail Art al fumetto, tra i quali spiccano le note sulla Vita Agra di Luciano Bianciardi, conteso da più editori, la grafica di Georges Gobô e le fotografie di Lorenzo Barbieri Hermitte. I collezionisti troveranno utili indizi sulle siderografie ottocentesche e molte altre indicazioni. Un numero prezioso, come del resto tutti i precedenti, da consultare e conservare.

Dettagli Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Alumina 76

Alumina 76

€ 16,00

L’INDICIBILE Antonia delle Fratte La mistica rivelazione del futuro dell’umanità, ricevuta in visione dall’apostolo Giovanni durante l’esilio sull’isola di Patmos, è oggetto di una dettagliata narrazione giunta fino a noi in una nutrita serie di splendidi manoscritti miniati, uno dei quali, il Lat. 14410 della Bibliothèque nationale de France di Parigi, rinasce oggi a nuova vita grazie a un magnifico facsimile Treccani.   IL CARTOLAIO ILLUMINATO Daniele Guernelli In tempi di self-publishing è difficile immaginare che nel Quattrocento pubblicare dei libri fosse una faccenda molto, ma molto complicata. Eppure, c’era chi si prendeva la briga di organizzare il lavoro di copisti e illustratori, legatori e altre maestranze. Erano i cosiddetti cartolai, uno dei quali, il fiorentino Bartolomeo Vannucci, non solo diresse una fiorente bottega ma praticò magistralmente anche l’ars illuminandi. APPENZELLO IN MINIATURA Gianfranco Malafarina Affacciata sui prati di smeraldo dell’Appenzell Ausserrhoden, la cittadina svizzera di Trogen custodisce nella biblioteca cantonale alcuni gioiellini cartacei e membranacei ricchi di memorie locali e di amabili illustrazioni sacre e profane. Una gioia degli occhi che corrobora e completa la gaiezza del paesaggio umano e naturale. LA FEBBRE DELL’ORO Lia Cesareo Sul denaro se ne sono dette di tutti colori. Ma i colori più belli, con ogni probabilità, sono quelli con cui persino la miniatura ha saputo celebrare questo vilipeso quanto indispensabile lubrificante dei traffici e degli scambi del genere umano. Come ben sapeva un esperto della materia quale il banchiere John Pierpont Morgan, bulimico accumulatore di capitali non meno che di splendidi manoscritti. LA PRIMA MELA Tito Saffioti Dopo Adamo nessuno è più riuscito a fare un peccato originale. Colpa di Eva o del serpente? Vallo a sapere. Magari la causa è stata la mela, presa a morsi così, senza sbucciarla, tale era la fame di conoscenza che da allora non ha più cessato di tormentare il genere umano costringendolo a rinunciare alle comodità del paradiso terrestre.   BUON SANGUE NON MENTE Klaus Waldmann Quando non c’erano ancora i social media, lo strumento ideale per tenere i contatti con i propri simili erano dei taccuini in cui gentiluomini e gentildonne invitavano la propria cerchia di sangue blu a lasciare un appunto e uno schizzo quale memento della propria comune estrazione sociale. Oggi quegli album vanno spesso in asta e possono finire anche nel nostro modesto secrétaire.   IN LODE DEL MICIO Jana Igunma Un cane è prosa, un gatto è poesia, recita un vecchio adagio coniato dall’ignoto estimatore di uno dei più antichi e onnipresenti animali da compagnia del genere umano. Poetiche pertanto sono le descrizioni di un raro trattato thailandese sui gatti siamesi, un “tamra maeo” in cui i simpatici felini, anche quando portano sfortuna, sono raffigurati con amore, simpatia e grande rispetto.

Dettagli Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Alumina 75

Alumina 75

€ 16,00

IL TEMPO Fabrizio Lollini   Affidata in comodato dal Crédit Agricole alla Biblioteca civica Gambalunga di Rimini, una splendida redazione dell’Astronomicon dell’umanista Basinio da Parma, ideata per la corte di Sigismondo Pandolfo Malatesta, celebra con un eccezionale corredo illustrativo l’antico legame tra la scansione del tempo e le costellazioni della volta celeste.   IL POTERE ILLUMINATO Gianfranco Malafarina   Molte donne ricche e potenti hanno amato l’arte, la cultura, i libri ben decorati, legando il loro nome ad alcuni capolavori dell’ars illuminandi. In questa eletta compagine, fra Quattro e Cinquecento, ha lasciato un segno anche una nobildonna dei Paesi Bassi, Filippina di Gheldria, committente di opere di raffinata fattura il cui autore, ancora ignoto, ha tratto da costei il proprio attuale appellativo.   LO SCRIGNO D’ARMENIA Ani Manukyan   Avamposto di fede cristiana tra le scoscese pendici del Caucaso, il popolo armeno ha superato innumerevoli traversie affidando per secoli alla cultura del libro la difesa della propria identità storica e spirituale. Un patrimonio di valore inestimabile di cui il Matenadaran, la biblioteca della capitale armena, custodisce e tramanda le più pregevoli testimonianze manoscritte e miniate.   IL MIO FEDRO Ivano Ziggiotti   Grazie al talento di Ivano Ziggiotti, calligrafo e artista del nostro tempo capace di far rivivere magistralmente l’arte della miniatura, il mondo fiabesco di Fedro, frutto di una saggezza antica ma sempre attuale, conquista nuovamente il lettore con la sua lezione di umanità e di vita.   LA CASA DEI FACSIMILI Gianfranco Malafarina   Nel giro di pochi anni Facsimile Finder, il motore di ricerca creato da Giovanni Scorcioni, si è affermato in tutto il mondo come lo strumento più autorevole, affidabile e completo per mettere in contatto il mondo degli studi, le biblioteche, i collezionisti e i bibliofili con la sempre più vasta produzione internazionale di edizioni in facsimile.   MEMENTO MORI Tito Saffioti   Darei la vita per non morire, diceva Jim Morrison. Ma non c’è niente da fare, la signora con la falce prima o poi arriva per tutti, uomini e donne, ricchi e poveri, umili e potenti. Un’amara verità a cui gli artisti hanno dato forma anche sulle pagine dei libri, inscenando una lugubre danza di morte tra i viventi e gli scheletri pronti a ghermirli.   NEL CIELO DEL BUDDHA Jana Igunma   Molto tempo prima di Dante Alighieri, il monaco buddhista Phra Malai, protagonista di un’antica leggenda thailandese, compie un viaggio nei cieli e negli inferi narrando ai fedeli, al suo ritorno, delizie e tormenti di quei mondi ultraterreni. Un invito alla virtù che rivive in un suggestivo manoscritto della British Library.  

Dettagli Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Cucina di Charta Autunno

Cucina di Charta Autunno

€ 15,00

In questo numero Hans Tuzzi, noto come il più importante giallista del momento ci intrattiene con una divertente e quanto mai colta disamina delle piante velenose nella letteratura. Immancabile l’elegante rubrica dedicata al Pinot grigio di Marco Scarpa, segue il pezzo di Andrea Pinton che indaga sul rapporto del vino con i film di Woody Allen e, dato che siamo in tema alcolico, il focus dell’articolo di Julian Zhara destinato al mondo di spiriti e distillati. La rivista prosegue con la magica pozione di Ambrosia Arabica che MariaPaola Moroni ha tratto dall’omonimo libro di Angelo Rambaldi pubblicato nel 1691. Non manca in questo n.3 un nuovo racconto sul nostro, oramai per antonomasia, Maestro Martino; ne riporta la grandezza storica e ne condivide il suo lascito presso i posteri, Antonella Campanini, docente di Storia dell’Alimentazione all’Alma Mater di Bologna. Per la storia dello spiedo, Matteo Ghirighini, direttore del Museo Garum di Roma ha tirato in ballo anche Omero alludendo a un vago sospetto che lo spiedo prima di approdare alla sua funzione di cottura fosse un’arma offensiva. Pierangelo Federici racconta il lavoro e il menu del venerdì ebraico, frenetico e incalzante con vivande particolari per permettere la totale astensione a qualsiasi occupazione per rispetto verso lo shabbat. Verso la fine un’altra commistione tra letteratura e cibo: di Robert Courdine (1910-1998) uno dei massimi scrittori gastronomici francesi, presentatoci da Pasquale Di Palmo, ci racconta le ricerche golose, tra un’indagine e l’altra del commissario Maigret, personaggio uscito dalla fantasia e dalla penna brillante dello scrittore belga di lingua francese, Georges Simenon (1903-1989). Da segnalare il curioso articolo di Alessia Cipolla sul servizio alla francese di cui non spoileriamo niente.  

Dettagli Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello