Dettagli

Il passo del cigno

12.00

di Aldo Capasso. Nova Charta, 2003, ristampa del volume del 1931.

Poeta, traduttore e studioso delle letterature europee, Capasso iniziò giovanissimo a collaborare alle maggiori riviste dell’epoca; del 1931 è il volume di versi che oggi si ripropone, prefato da Ungaretti, dedicato all’amico Eusebius (alias Montale) e subito insignito del prestigioso Premio Fracchia. Il suo libro offre spunti di notevole interesse storiografico, tuttavia sarebbe erroneo, oltreché ingeneroso, limitarne l’importanza al semplice aspetto documentario: nell’ottantina di Canzoni che lo compongono si afferma un modus espressivo che manifesta una sua scabra originalità di pronuncia declinata secondo le articolazioni di un’istintiva disposizione melanconica, ma tutt’altro che dedita a rinunciatari ripiegamenti canori, capace di misurarsi con la sostanza metafisica del poetare e insieme di salvaguardare il dono impegnativo dello stupore.

Categoria:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il passo del cigno”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.