Dettagli

Copertina

Charta 141

€12.50

Charta 141: la storia di Mary Poppins da Travers a Disney. Nella storia della letteratura per ragazzi, l’Inghilterra occupa di diritto il primo posto. Senza addentrarci in una serie infinita di nomi e di discussioni basterebbero a testimoniarlo due personaggi capitali come Alice e Peter Pan, che non a caso sono nati entrambi da racconti fatti a viva voce dai rispettivi autori ad alcuni bambini (la piccola Alice Liddle e le sue sorelline nel caso di Lewis Carroll, i quattro figli dei coniugi Davies nel caso di James M. Barrie).

Di seguito il sommario

Categoria: .

Descrizione prodotto

Gli emblemi rosacrociani di Daniel Cramer di Giordano Berti

Il primo testo dei Rosacroce cominciò a circolare pubblicamente nel 1614 a Kassel, città della Germania centro-occidentale; si intitolava Fama Fraternitatis Rosae Crucis (Celebrità della Fratellanza Rosa- croce). L’anonimo autore raccontava, in quel volumetto, la vita di un certo Frater CR (Christian Rosenkreuz), un nobile cavaliere a cui veniva attribuita la fondazione di una fratellanza di iniziati: per l’appunto i Rosacroce.

Louise Ibels di Francesco Rapazzini

Il governo francese, dall’inizio del conflitto, aveva domandato a tutti i suoi concittadini di partecipare allo sforzo bellico. Agli artisti aveva chiesto in modo particolare di scrivere romanzi o poesie, dipingere o disegnare opere volte a incitare o consolare gli eroici soldati… E in tutto questo baillamme patriottico ci si buttò a capofitto pure Louise Ibels che scelse nel 1916 di esprimersi attraverso quello che sapeva fare meglio: caricaturare le situazioni tragicomiche.

Donatello De Luigi, genio (dimenticato) della Roma liberata di Gianni Giovannelli

Oggi si chiama Galleria Alberto Sordi, dopo il restauro completato nel 2003. È un grande palazzo, a pochi passi da Montecitorio, di fronte alla colonna Antonina, detta di Marco Aurelio. Quando, nel 1944, Donatello De Luigi (“il primo editore della Roma del dopoguerra” come lo definì Giose Rimanelli), aprì in quella sede prestigiosa gli uffici della sua casa editrice, si chiamava ancora Galleria Colonna, Roma portava i segni della guerra, ma i bombardamenti l’avevano fortunatamente risparmiata.

Mary Poppins, da Travers a Disney di Corrado Farina

Nella storia della letteratura per ragazzi, l’Inghilterra occupa di diritto il primo posto. Senza addentrarci in una serie infinita di nomi e di discussioni basterebbero a testimoniarlo due personaggi capitali come Alice e Peter Pan, che non a caso sono nati entrambi da racconti fatti a viva voce dai rispettivi autori ad alcuni bambini (la piccola Alice Liddle e le sue sorelline nel caso di Lewis Carroll, i quattro figli dei coniugi Davies nel caso di James M. Barrie).

Immagini, studio e culto di Dante nell’Ottocento e nel Novecento di Elisabetta Gulli Grigioni

Procedendo nelle spigolature dantesche (cfr. CHARTA n. 51, 53, 84, 123, 131) ho pensato di raccogliere oltre agli oggetti cartacei di vario tipo, le espressioni possessive (o allusive a un immaginato rapporto molto stretto e privilegiato con il Poeta) provenienti sia dall’ambito degli studi accademici e delle iniziative ufficiali sia dalle iniziative di singoli individui in qualche modo, oggi o in passato, praticanti un culto intellettuale dantesco.

Sovraccoperte dal pergamino all’acetato stampato di Mauro Chiabrando

Nel secondo dopoguerra l’esigenza di rendere visibile l’oggetto libro negli scaffali sempre più affollati delle librerie convinse gli editori a sperimentare, come in un cantiere aperto, qualunque novità di impatto estetico sulla veste dei volumi.

Bibliografia delle grandi opere di Cesare Ratta di Giuseppe Mirabella

“Di tanto in tanto nell’ambito exlibristico, corre voce che qualcuno stia preparando una monografia sulla vita e sulle opere di Cesare Ratta. L’attesa si fa subito trepida, perché il per- sonaggio, per i suoi meriti e la sua singolarità, merita davvero uno studio dettagliato e documentato. Poi, alle voci segue il silenzio e la speranza sfuma.”

La “Rivista italiana d’arte culinaria” (1905-1914) di Patrizia Caccia

il 15 gennaio 1905 uscì il primo numero della “Rivista italiana d’arte culinaria” destinato a diventare, dopo poco, il 30 luglio, l’organo tecnico professionale per cuochi, salumieri, pasticceri e per tutti i produttori di generi gastronomici.

Ultima Thule

Lassù tra le montagne di Piero Falchetta

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Charta 141”